8
Evangelion 1.0/2.0
17 Sep
2013

Che cosa c’è di meglio, in una giornata piovosa e senza internet, che scrivere un post in locale su di un banale .txt?
Sfiga vuole, tra le altre cose, che ho beccato anche un operatore mezzo imbecille il quale, dopo avermi fatto stare in attesa per circa 10 minuti, se n’è uscito con un:
“Ho inviato la segnalazione.”
Non prima di dubitare del fatto che, a luci fisse, il modem non riuscisse a collegarsi. No. Per lui non era semplicemente possibile, ma quando gli ho letto quanto scritto sul pannello di controllo dell’apparecchio con voce ferma e decisa, il baldo giovine è tornato sui suoi passi.

Visto e considerato che vi ho stressati abbastanza in questi ultimi giorni con argomenti molto personali e ben poco interessanti, ho pensato di cambiare totalmente registro e di tornare a popolare la categoria “Anime” in modo più tradizionale, con un sano articolo scritto.
In preparazione della serata al cinema il 25 (non vedo l’ora ragazzi! E’ la primissima volta che partecipo ad una rassegna cinematografica!), mi sono vista i primi due film di Evangelion assieme a Serchan e… che dire?
Ne sono uscita decisamente soddisfatta nonostante le critiche di alcuni.

Al livello prettamente generico, le pellicole ripropongono il mondo di NGE in modo molto moderno e con un comparto tecnico assolutamente DA PAURA.
Bellissime animazioni, colori più nitidi (si è passati dalla pelle cadaverica dei personaggi della serie classica ad una carnagione più… umana!), contrasti rivisti, fondali estremamente dettagliati e numerosissimi effetti speciali in più.
La colonna sonora è lievemente cambiata, ma nei momenti cruciali lo spettatore viene cullato dai temi classici di Evangelion riarrangiati.

Il primo film, della durata di circa un’ora, non è altro che un fuggi fuggi generale nel quale viene fornito un massiccio infodump di personaggi/situazioni/vicende/relazioni dando per scontate molte cose – da qui la necessità, IMHO di aver seguito precedentemente la serie classica, nonostante ricca di filler e di situazioni del tutto fine a sé stesse -.
Per fortuna, già dal secondo, l’intero quadro inizia a cambiare.
Non sto qui ad analizzare i dettagli di questi cambiamenti, perché non ne sarei assolutamente capace, né a scrivere un panegirico su Mari o come cispa si chiama la pilota occhialuta che si lamenta della plug suit pakka e che attiva modalità nascoste di Berserk “controllato” a gogo come se avesse semplicemente overclockato un PC scrauso.
Non starò nemmeno qui a tessere lodi su Asuka e sul suo epico grido:
“BASTARDOOOOOOOOOHHHHHHH!”
E non vi parlerò nemmeno di quanto sia… sia… zomg… SIA e basta Kaworu.
No.

Nel guardare i primi due film ho riflettuto su quanto sia incredibile come un personaggio del calibro di Shinji, che negli anni ’90 era, credo, l’ultima ruota del carro a livello di simpatia, della classifica generale dei personaggi, si sia rivalutato in modo apprezzabile al giorno d’oggi.
Certo… l’appellativo di Asuka “Stupishinji” non lo aiutava, ma c’è da dire che allora non si era affatto abituati a figure fragili come la sua.
Oggi, accostato a Madoka Coso Rosa, Shinji sembra quasi un eroe romantico, erede di una generazione, iconografia di un intero decennio di animazione assolutamente avanguardistica.
Già, perché dopo aver rivisto Evangelion mi sono capacitata di ciò che avevo già ben chiaro da prima, ovvero che Urobuccia ha sempre cercato di scimmiottare malissimo Anno.

MAI avrei creduto di scrivere certe cose sul conto del giovane Ikari, ma me le sento nelle unghie e quindi le riporto sulla tastiera del PC, così come mi escono.
Innanzi tutto premettiamo una cosa: Shinji era ed è dotato di un humus che rende quasi giustificabile il suo comportamento.
Non è nato nella famiglia del Mulino Bianco, con la mamma allegramente brilla, infiocchettato da un papà mezzo gaio e da un fratellino iperglicemico.
No.
La mamma di Shinji è morta e lui non sà manco che caxxo di faccia abbia, è figlio unico e ha un padre che… OHHHH!!
AHAHAHAHAHAHAH!
Ma è davvero necessario spiegare quanto fosse fottutamente bastardo Gendo Ikari?!
Gendo è uno di quei personaggi che quando lo vedi pensi a proteggerti il sedere visto che quasi certamente di lì a poco te lo metterà beatamente in quel posto.
Se sei suo figlio, poi, il trattamento sarà quintuplicato con l’aggiunta di un felice di mix di noncuranza, freddezza, spietatezza e sadismo.

Quando dico che Shinji è un figlio abbandonato, non intendo semplicemente che sia stato lasciato da un genitore o da entrambi.
No.
Shinji è SOLO. Nel vero senso della parola.
All’inizio della serie incontra il padre dopo tre anni e il genitore, dall’alto del suo “amore” filiale, lo accoglie con un caloroso:
“Vedi di entrare su quel robot e di combattere contro quell’angelo anche se è probabile che ci rimetterai le penne.”
Shinji traballa… sì, piagnucola… sì, inizia a deliziarci con il suo repertorio di frasette amo… SI.
Sì, ma gira pagina e tenta di aprirsi al padre.
E non appena lo fa… ZACK! Pugnalata al cuore.

Che Shinji abbia una personalità sotto tono penso sia cosa indiscutibile, ma va detto che questa sua tendente inerzia non mi è mai sembrata del tutto fuori luogo.
Privato degli affetti più importanti, il giovane Ikari è impersonificazione di un fortissimo disagio interiore.
L’abbandono lo ha portato a dubitare di sé stesso e delle sue capacità.
La presenza di un padre-padrone, gli ha fatto sviluppare un meccanismo di difesa, ovvero quello del totale estraneamento ai fatti, che lo protegge dagli occhi di tutti, dal giudizio delle persone e, non ultime, dalle sue responsabilità.
Egli non è in grado di gestire tutto quanto appena riportato semplicemente perché nessuno gli ha dato gli strumenti per farlo.
E così Shinji trova quegli strumenti mano mano con le sue stesse forze.
Come pilota farà sempre altamente cagare (la mamma si fa costantemente facepalm!), ma come persona NO.
Come persona egli compierà una scelta coraggiosa e, alla faccia di chi sputava sulle ultime due puntate della serie classica… provateci voi a creare degli episodi così interessanti con zero budget o quasi.

Ma anche senza andare a disturbare il finale, vogliamo parlare del salvataggio di Rei Ayanami?
Ne vogliamo parlare?
La sottoscritta, tanto per dire, è del parere che l’intera scena, per altro BELLISSIMA, sia piena di simbolismi: dalle mille piccole Rei a, sopratutto, la ricerca della stessa nel nucleo.
Il protagonista aveva fatto le sue belle cappellate durante lo scontro con Asuka e su questo NON ci piove, ma lì, in quello scontro-incontro, c’è solo lui.
Per salvare Rei, Shinji non si limita a dire qualche frasetta imbecille strappalacrime, né invoca l’aiuto di deus ex machina, amichetti/e che viaggiano nel tempo o altre amenità di questo tipo.
C’è solo lui.
E quando il giovane si getta dentro, nel profondo, la sua carne inizia ad andare a brandelli come se si volesse sottolineare il fatto che per fare ciò che sta facendo, è necessario superare i limiti umani, come le nostre stesse membra sono prigione di noi stessi e di ciò che siamo in realtà.

E quindi lode alla maturazione GRADUALE di un protagonista troppo umano, lode a questa splendida riedizione e lode al doppiaggio con una menzione d’onore a Monica Ward che sfoggia un inglese impeccabile nella scena della chiamata al cellulare (ammetto che mi è scesa una lacrimuccia di commozione per ‘sta cosa qui )!

Postato da Marylain, alle 22 : 11
(permalink) (Anime)


0
Viaggio a Dublino – Giorno 2
09 Sep
2013

Prima che passi troppo tempo, ci terrei a postare il video del secondo giorno della nostra vacanza irlandese.

YouTube Preview Image

A parte la Christ Church Cathedral e la mitica cattedrale di San Patrizio, quel che non sono riuscita a mostrarvi è stata la biblioteca di Chester Beatty, ubicata proprio all’interno del perimetro del castello di Dublino – che abbiamo visto solo all’esterno.
All’interno, di fatti, non si potevano fare riprese.

Molto carina anche Dublinia, ricca di informazioni e curiosità sui vichinghi: in particolare sono rimasta affascinata dalla cura per i dettagli dell’autore di Vinland Saga.
Ora che ho visitato Dublino mi rendo conto di quanto la sua documentazione sia stata molto buona e abbia consentito di dare alla sua opera un aspetto molto più realistico di quanto non si possa credere.

Uno degli aspetti che maggiormente ho adorato della città è il suo essere globalmente gioiosa e… CANTERINA!
Come potete vedere anche da questo video, le strade del centro sono gremite di ragazzi talentuosi, pronti ad esibirsi nei modi pià strani e in generi differenti (dalla musica etnica a quella locale fino alla dance).
In linea di massima il popolo irlandese è tra i più calorosi del nord Europa (IMHO): è gente per nulla spocchiosa, molto comunicativa, allegra e scherzosa – persino il guardiano di un museo si è messo a fare lo scemo con noi e io sono stata al gioco per riderci un po’!

Stay tuned per le ultime tre parti!

Postato da Marylain, alle 20 : 29
(permalink) (Real Life)


1
Eorzea Life 1
05 Sep
2013

Vorrei inaugurare questo spazio per condividere con voi la mia vita su Eorzea.
So bene che molti dei miei vecchi lettori non si avvicineranno mai a questo gioco (è un vero peccato, però), ma ho deciso comunque di non censurare un argomento che, nel bene o nel male, riguarda la mia vita., anche se online.

- MOOGLE -

Come ho scritto la volta scorsa, è il server dove io e Serchan abbiamo iniziato a giocare.
O meglio… non proprio quello visto che i primi giorni di Early Access quasi tutti i server europei erano dannatamente chiusi ai nuovi iscritti, così, tra un errore e l’altro, avevamo incominciato la nostra avventura su Odin con l’intenzione di chiedere il trasferimento su Moogle quando sarebbe stato possibile.
Alla fine ci siamo risparmiati questa balla (e soldi annessi) e, approfittando di un “buco” durato tipo mezza mattinata, ci siamo fiondati sul server che avevamo scelto e lì ci siamo stabiliti.

EBBENE SI.
Serchan è una LEI.
E’ la primissima volta che accade in un MMORPG di quelli che abbiamo provato assieme, ma… questo è.
Non nascondo che all’inizio mi faceva un pochino strano correre fianco a fianco con UNA e non con UNO, sopratutto considerando la disparità di statura che c’è tra me e il suo personaggio, ma sono bastati una manciata di giorni per abituarmi all’idea e a trovarla, anzi, nuova e affascinante.
E io, da notare… SONO UN’ARCERA.
Altro stacchetto drammatico obbligatorio!
Data la totale mancanza di una classe ladra (o derivati), ho optato per la via dell’arco e delle frecce nella speranza di potermi rendere utile una volta diventata barda.
In realtà, a giudicare come stanno le cose nella rispettiva gilda, credo che anche il pugilist mi piacerà molto… voglio dire: parliamo di un guild master caxxone come pochi che vive nel deserto!
Mi fa troppo Morroc ‘sta cosa.

Tra l’altro, ritorando al discorso di Serchan, anche se indossa una gonnella virtuale… continua a fare il manicaco guardandomi il sedere non appena mi equippo qualcosa che mostra impunemente le chiappe.
Al momento abbiamo deciso di concentrarci solo sulle nostre rispettive classi e di rimandare l’exping di altro a quando avremo raggiunto il nostro primo job.

- PHOENIX -

Qui sono sola.
Forever Alone for the lulz!
Se inizialmente giocare con l’arcera (aridaje), non era un grosso problema, le conseguenze della mia scelta si sono fatte sentire, come mi aspettavo, all’inizio dei primi dungeon.

Oddio, non è che mi debba lamentare più di tanto.
Sarò stata fortunata io (o particolarmente stressante!), ma ho trovato party da DPS entro e non oltre i 10-15 minuti di attesa, ma nonostante questo e sebbene sappia che mentre cerco il duty posso benissimo fare altro, mi pesa dover stare sempre lì ad elemosinare gruppo o a stalkerare i conjurer, sicché ho tagliato direttamente la testa al toro e mi sono fatta io stesso una conjurer.
E’ stata abbastanza dura perché avevo già consumato le quest di Gridania (o per lo meno, la maggiorparte!) per cui l’ho livellata a furia di Hunting Log.
Dato, poi, che mi mancava del tutto l’equip leggero, mi sono data al crafting furioso unendo le forze di botanist+weaver per poter recuperare i materiali e farci gli abiti senza spendere un centesimo – se non quelli del teleport per arrivare ad Horizon.

Postato da Marylain, alle 17 : 45
(permalink) (Online Game Life)


0
Yawn
04 Sep
2013

Che brutto quando hai tutti i giorni occupati e poi non riesci a scrivere una riga sul blog.
Mancanza di voglia?
Stress?!
Non lo so…
Per fortuna gli impegni non accennano a diminuire, ma anzi, si accavallano sempre di più.
Sto lavorando, tanto per la cronaca, per conto di una industria di Firenze (ho pure scoperto che hanno addirittura una pagina di Wikipedia!) e già da un paio di mesetti ormai.Il mio compito è quello di realizzare dei videotutorial con un software che, fino a poco tempo fa, manco sapevo che esistesse, figuratevi.
E mentre porto avanti tutto questo ci sono le famigerate lezioni.
O meglio: ci sarebbero, perché l’Associazione Culturale presso la quale insegnavo ha chiuso perc via degli eccessivi costi di gestione.
Anche su questo avrei qualche parolina da ridire perché, che io sappia, i loro “eccessivi costi di gestione” non sono stati altro che una bolletta dell’acqua particolarmente salata perché c’era una perdita e l’hanno realizzato quando, ahimé, era troppo tardi.
Sia chiaro, mi dispiace molto che sia finita così, ma d’altra parte un pochino me lo aspettavo vista la quasi totale assenza di promozione del Centro per me è già un miracolo che siano riusciti a organizzare un paio di corsi contemporanei da Febbraio fino a fine Luglio (anche se nell’ultimo periodo lavoravo praticamente solo io là dentro ).
Per fortuna ho recuperato le corsiste di giapponese che mi hanno riconfermato le lezioni a partire dal prossimo lunedì e ho trovato anche da fare ripetizione d’inglese sempre una volta alla settimana – anche se, in quel caso, trattandosi di “clienti” nuovi, devo sperare di riuscire a fare bene per sperare di essere richiamata.

E, insomma, non mi lamento e tra una commissione e l’altra… faccio foto inquietanti, tipo questa:

A parte questo, lo scorso week end, io e Haru ci siamo riviste!
Ci siamo scambiate dei doni (nei prossimi post vi faccio vedere quello che mi ha regalato… ormai quella ragazza la AMO! ) e abbiamo chiacchierato ferocemente per tutto il pomeriggio tra una telefonata di mia madre e l’altra perché lo stesso giorno Fofi si è letteralmente scaricata, costringendoci a fare il percorso da casa mia alla stazione a piedi.

Dopo qualche sclero, sia Scassone 2 che Fofi sono state ressate dai rispettivi meccanici e così siamo di nuovo felicemente auto-dotati!

Sempre lo scorso fine settimana, ho fatto la prima prova della famigerata torta postata su Facebook: non sono stata del tutto soddisfatta dalla ricetta fornita e mi sono riscritta le dosi sperando che questo sabato possa fare di meglio.
In particolare, non capisco che CAXXO di senso ha mettere tre cucchiai del cavolo di menta dentro ad una torta spacciandola per torta al cioccolato alla menta (o roba simile), quando non si sente affatto l’aroma.

E domani… la seconda parte del video!

Postato da Marylain, alle 18 : 18
(permalink) (Real Life)


4
Evangelion 3.0
30 Aug
2013

Non è una notizia fresca fresca, ad onor del vero, ma mi premeva scriverla ugualmente.

Nel dare un’occhiata alla programmazione dell’Uci Cinemas di Campi Bisenzio, ci siamo accorti che la famosa rassegna di anime proietterà, in data 25 Settembre, l’ultimo film della triologia di Neon Genesis Evangelion, 3.0 You can (not) redo.
Lo stupore si acceso immediatamente nei nostri occhietti sbrilluccicosi.
In realtà io ero più concentrata su quel bel pezzo di manzo angelico che è Kaworu, ma tant’è…

E insomma… ci siamo decisi e abbiamo già prenotato (ed acquistato) i biglietti!
Andremo allo spettacolo delle 20:15 con orario assurdo annesso perché per essere lì a quell’ora non potremo manco cenare così abbiamo escogitato un piano: ordinare una mega razione di pop corn e nutrirci solo con quelli e poco altro!
Ci saremmo trattenuti lì per una pizzata veloce, ma il giorno dopo Serchan lavora e non vogliamo fare troppo tardi.
C’è anche la possibilità che Haru si unisca a noi e io lo spero tanto così potremmo goderci un anime di questo calibro su grande schermo, il che non è cosa da poco!

Ora però urge immediatamente il ripescaggio dei primi due film altrimenti arrivo in sala e non ci capisco una mazza di niente.

Tra l’altro il 2013/2014 sarà un anno ricco di appuntamenti cinematografici, se ho fatto bene i miei conti.
A parte “Cattivissimo Me 2″ che va visto anche solo per i Minion (ADORO quei cosini gialli!), c’è il secondo film de “Lo Hobbit” (ovvero “Come allungare il brodo fino all’inverosimile”), il secondo di “Dragon Trainer” (SDENTATOOOO!!! ), “Capitan Harlock” e, se non fanno caxxate epocali quelli della Lucky Red, anche l’ultimo capolavoro di Miyazaki. Specifico ‘sta cosa perché ho saputo che a Venezia c’è stato qualche COJONE che ha osato criticarlo dicendo che il suo film è a favore della guerra.
Un film di Miyazaki.
A favore della guera.
S… sì…
Seems Legit.

E voi? Che film pensate di andare a vedere quest’anno?

Postato da Marylain, alle 22 : 44
(permalink) (Real Life)


8
La nascita di Chloe Magnus
29 Aug
2013

Prima di proseguire con i video di Dublino, vorrei spendere qualche parola su quello che ho fatto in questi ultimi giorni – se si esclude, beh… il lavoro dove sono praticamente sommersa di videocorsi basati su concetti fisici astrusi che mi hanno riportato alla mente quella megera della mia vecchia professoressa del liceo… brrr… -, ovvero Final Fantasy 14 A Realm Reborn!

Direi di cominciare dal principio, ovvero da quando, il 24 di Agosto, sono entrata in game per la primissima volta.
E già panico perché il client non riconosceva i save dei miei personaggi salvo poi scoprire che andava creato un alter-ego a random e fare save per fare riapparire la lista.
Le prime giornate sono state da VERO panico perché l’unico server sul quale sarei dovuta entrare per via di Shian e della moltitudine di italiani già presenti dalla Beta 4, ovvero Moogle, era stato lockato dopo tipo 10 minuti dall’apertura.
Vedendo la situazione più buia di quanto effettivamente fosse abbiamo deciso, io e Serchan, di iniziare su Odin per poi chiedere il trasferimento.
Manco il tempo di pensare a ‘sta soluzione che dopo tipo 48 ore, una mattina come tutte le altre, quei bontemponi della Square riaprono Moogle.

Insomma: morale della favola, ho due personaggi praticamente UGUALI sia su Phoenix che su Moogle.
Su Phoenix gioco Forever Alone, mentre su Moogle rimango di pari passo con Serchan per potermi meglio coordinare assieme a lui.

La mia Miqo’te, Keeper of the Moon, è stata battezzata con il nome e con il cognome ai quali sono maggiormente affezionata – e, in ogni caso, lo trovo un ottimo abbinamento a orecchio.
Chloe Magnus è il suo nome e speriamo le porti fortuna!

Ora vi chiedo, per pietà, di dirmi se vi piace perché la sottoscritta si è davvero affezionata a lei ed era dai tempi della mia sin su Ragnarok che questo non accadeva!

Incredibilmente, però, non c’è nessuna classe DPS/DD in particolare che mi sconquifferi tanto (a parte il Dragoon… anche se la lancia è da quando giocavo a Seiken Densetsu 2 con Purim che non la uso più ), per cui mi sono orientata selvaggiamente sulla BARDA.
Inutile dire che non ho intenzione di specializzarmi solo in quella professione.

Ammetto che mi piacerebbe molto iniziare a bloggare su questo argomento, ma devo fare i conti con l’utenza storica che mi segue.
A parte Nephenee, non credo che a molti altri lettori fidelizzati interessi molto quello che combino su Eorzea per cui lascerò che i commenti a questo post – semmai ce ne saranno – mi suggeriscano il da farsi.

Pare mentali a parte, dopo giorni di calca e di errori vari nel tentativo disperato di loggarsi su qualsivoglia server, l’esperienza di gioco sta già diventato molto più gradevole rispetto all’Early Access.
Sebbene su Phoenix sia stata quasi subito inserita in una Linkshell e in una Free Company, non sono riuscita a legare con nessuno per adesso: seguire la chat è decisamente difficile, a meno che non si stia craftando il mondo in città e collegarsi su Teamspeak non se ne parla.
Non so… in quest’ultimo periodo non ho molta voglia di parlare in chat vocali come quella.

Tra le altre cose, proprio in questi giorni anche la Jowah ha iniziato a giocare su Final Fantasy 14 nei panni di una Lalafel.
Mi sembrano trascorsi SECOLI da quando non lurkavo come una pazza inferocita sul suo blog: anche se non ho giocato molto a Final Fantasy 11, ho sempre trovato i suoi post interessanti (della serie: “Non ho la benché minima idea di che cavolo io stia leggendo, ma mi piace leggerlo!”).

Dedico principalmente questo post al mio amore, cogliendo l’occasione, ancora una volta, per augurargli un felicissimo compleanno!

 

Postato da Marylain, alle 22 : 08
(permalink) (Online Game Life)


0
Viaggio a Dublino – Giorno 1
23 Aug
2013

Prima di partire a manetta con i video e con tutti i racconti del caso, un paio di doverose, ma importanti comunicazioni:

- Questo week end sarò inabissata dall’Early Access di Final Fantasy 14. Non so quanto riuscirò a postare la settimana prossima a causa di non pochi impegni. Settembre sarà parecchio caotico perché devo ancora stabilire il mio calendario e ad oggi non so ancora cosa mi riserverà la prossima stagione.

- A causa di una segnalazione e del primo cartellino giallo su Youtube, mi sono stati revocati quasi tutti i miei “privilegi”, compreso quello di fare video più lunghi di 15 minuti. Il cartellino mi è stato affibbiato agli inizi di Luglio, sicché fino a Gennaio non sono certa di poter uppare tutte le videorecensioni che mi ero riprosta di inserire sul mio canale. Non ho intenzione di spezzare i video in mille parti, né usare un canale secondario, per cui ho deciso che li girerò tutti senza pensare alla limitazione. Se dovessero stare sotto il quarto d’ora bene, altrimenti li lascio sul PC e li uppo non appena possibile.
Tanto per la cronaca, i video incriminati erano registrazioni da Raiclick in bassissima qualità.
Sono semplicemente RIDICOLI.

YouTube Preview Image

GIORNO 1

Viaggio: Come ho scritto, nel posto C si è messa una vecchia ipocondriaca che, non appena ha notato che avevo un cellulare acceso, ha cominciato a rompere le balle.
Ha persino minacciato di chiamare la hostess, ma alla fine non l’ha fatto (per sua fortuna, altrimenti le avrei fatto fare una figura di anche davanti a lei!).
In aeroporto ci siamo pappati una specie di sformato alle verdure che era qualcosa di assolutamente delizioso – probabilmente la cosa più sana da mangiare là dentro.
Ci abbiamo messo una vita a trovare il banco che vendeva il Dublin Pass quando poi era sulla destra dell’uscita.

Albergo: Un po’ freddina la lobby, ma per il resto era assolutamente fantastico!
Abbiamo alloggiato al The Morrison Hotel – A Double Tree.
Posizione centralissima e stanza ricca di tutto quello che ti può servire: set bagno bellissimo, phon potente (non da parete), accappatoio, televisore modernissimo, wi fi personale della stanza con tanto di biscotti del benvenuto!

St. Patrick’s Green: L’unica cosa negativa di quel parco è che spesso a Dublino piove e quindi non è detto che riusciate a visitarlo con il bel tempo.
Noi abbiamo avuto la fortuna di beccare due mezze giornate FANTASTICHE di cui una quasi senza una nuvola in cielo per cui ne abbiamo immediatamente approfittato per fare foto a gogo e riprese.
E poi vogliamo parlare del verde???

Temple Bar: Bellissimo quartiere, caratteristico come non mai!
Praticamente è composto quasi solo di pub e inizia a prendere vita già alle 17:00 circa quando ragazzi e turisti iniziano a bere e poi a cenare tra musica e canzoni.

Cena: Siamo stati al Cornucopia, un ristorante tipo self service completamente vegetariano.
Le porzioni erano semplicemente ENORMI, il conto bassissimo e il locale delizioso.

Postato da Marylain, alle 17 : 39
(permalink) (Real Life)


6
Di ritorno dall’Irlanda!
20 Aug
2013

Dopo parecchi giorni di totale assenza – che faccio in condizioni normali, figuriamoci se devo partire! -, rieccomi qui a scrivere sulle pagine di questo blog!
Il viaggio in Irlanda è andato tutto sommato MOLTO bene.
Serchan non si aspettava nulla da questa nazione, ma mi ha detto di essere rimasto gradevolmente sorpreso sia dal posto che dalla mentalità dei suoi abitanti.

Da parte mia,  non vedevo l’ora di partire, un po’ perché la meta mi ispirava già in principio, un po’ perché gli ultimi due mesi sono stati particolarmente intensi e sentivo davvero bisogno di staccare anche solo per poco tempo.

Premettendo che ho filmato molto anche quest’anno e che pubblicherò tutto su Youtube a tempo debito, vorrei comunque fare un breve riassunto della nostra trasferta.

Viaggio di andata: Rovinato non tanto per la turbolenza particolarmente “interessante” sopraggiunta quando stavamo atterrando sull’aeroporto, quanto per una vecchia malefica bacucca ipocondriaca la quale, non appena mi ha visto riprendere il volo, mi fa:
“E’ un cellulare quello che sta usando?”
A nulla è servito spiegarle che esisteva la modalità volo dei telefonini. Per lei era tutto pericolosissimo e che avrebbe chiamato la hostess, cosa che non ha fatto, per sua fortuna altrimenti l’avrei mandata a quel paese davanti a lei.

Secondo giorno: Positivissimo.
Mi è bastato stare di fronte ad uno spettacolo del genere per dimenticarmi della tizia sull’aereo:

Il verde dell’Irlanda è il VERO verde.
Un verde che non è nemmeno la metà bello rispetto a quello che vedete in una banale foto.
Ed è “solo” il verde della città di Dublino perché in altri posti è uno smeraldo intriso di luce.

Terza giornata: Guinness Storehouse!!!
Dopo aver camminato tutta la mattina, sebbene fossi già mezza cotta, mi sono divertita moltissimo a passare da salone in salone, mangiare un ottimo spezzatino con sugo di birra e assaggiare una pinta all’ultimo piano con vista sulla skyline dublinese.

Quarta giornata: Rain is coming, altro che winter ragazzi!
Troppo lol lo scambio di due turiste anglosassoni uscite dal museo nazionale di archeologia.
Turista 1: “Is it still raining?”
Turista 2: “We are in Ireland! Of course it is!”
Eravamo bardati con k-way e ombrello e nonostante tutto ci siamo bagnati i capelli in modo indegno.

Viaggio di ritorno: A questo giro siamo stati un pochino pià fortunati.
Se da un lato il passeggero della fila C si è fatto i caxxi suoi mettendosi subito a leggere un libro di Dan Brown, dall’altro, però, abbiamo fatto un pochino tardi arrivando al Gate quando era già in fase Boarding.
Corsa epica con un muffin in bocca.
Serchan è stato molto orgoglioso di me… devo ancora capire il perché.

Video Editing… a me!

Postato da Marylain, alle 22 : 47
(permalink) (Real Life)


6
Live streaming di Final Fantasy 14
08 Aug
2013

Dopo una visita fugace dal dottore per farmi prescrivere le mie solite ventordici medicine da viaggio, di ritorno a casa, dopo un rapido pasto, mi sono fiondata di fronte al computer per seguire la diretta in streaming di “Lettere del Produttore” che è andata alla grande… almeno fino a che quella gallina starnazzante non è entrata nello studio a fare versetti imbecilli e a strillare “SUGOOOOOIIIIHHHH” ogni tre per due.
Avrei voluto avere un Death Note e gli occhi dello Shinigami per porre fine a quella miserevole esistenza!

Ormai sono pronta psicologicamente a questo gioco.
E ho scelto il server.
E sarà… MOOGLE!
Shian, a questo punto ci dobbiamo ASSOLUTAMENTE incontrare in game, non voglio sentire scuse!

Tra l’altro ho anche sistemato il mio personaggio che sarà una bella Mi’qote della luna e ho fatto girare il benchmark.
Ecco qui il risultato che ho ottenuto, tanto per la cronaca:

Sono soddisfatta, dai.
Spero di poter avere presto la possibilità di passare ad una 780 con monitor più grande, ma per ora vado alla grandissima anche così!

E beh, tornando al live, mi sono annotata tutte le cose più interessanti da dire/commentare:

* L’Open Beta inizierà il 17 Agosto e finirà il 19
AHAHAHAHAHAHAH!
No, scusate, ma ‘sta cosa è semplicemente ri-di-co-la.
Sà troppo di “non voglio farti giocare troppo aggratis perché dopo i dati vengono conservati!”
In tutta la mia carriera non ho MAI visto una OBT di soli tre giorni.

* L’Early Access inizierà il 24 Agosto e finirà il 26
Dato che nei giorni della beta non ci siamo, penso che il mio personaggio nascerà il 24, sperando che i maledetti si decidano a mandarmi il codice.

* Il Level Cap durante queste fasi sarà di 20
L’urlo dei powerplayer non si è fatto attendere.
A me non frega nulla, sostanzialmente.
Causa lavoro avrò pochissimo tempo e in 3 giorni DUBITO che riuscirò ad arrivare al 20 e anche se dovesse accadere, posso sempre portare avanti un’altra classe o darmi al crafting.

* Hanno fatto vedere sia il Summoner, che l’Arcanist che lo Scholar
Delle tre summon, la mia preferita è Garuda che fungerà da creatura magica. Titan sarà una creatura da tank, mentre Ifrit sarà DPS.
Mi ispirano molto tutte le classi.

* Sarà possibile trasferire il proprio personaggio da un server all’altro a partire dalla seconda-terza settimana di gioco
Mi auguro che il trasferimento non vada oltre il circuito Legacy.

* Varrà implementato un Database su Lodestone
… e la solita caxxo di app per iOS e NIENTE per Android.
Gli venissero l’emorroidi a tutti quanti!

* Verranno dati bonus per sottoscrizioni particolarmente lunghe
Tra i quali, diversi minion, equip, una cavalcatura e anche un oggetto che consente al giocatore di cambiare aspetto al proprio personaggio.
Tutto ciò è molto positivo!

Chi ha seguito il live?
Che ne pensate?

Postato da Marylain, alle 20 : 37
(permalink) (Online Game Life)


3
Comunicazioni interne!
07 Aug
2013

Volevo scrivere di Final Fantasy 14 (aridaje, direte voi, ma almeno sarà felice Shian! ), però ho deciso di aspettare domani così accorpo i commenti allo streaming.
Secondo i miei rapidi calcoli matematici, che tanto rapidi non sono, ma questi sono dettagli del tutto trascurabili… herr…, la diretta si terrà verso le 14:00 ora italiana per cui sarò pronta in prima linea a cristonare per qualsiasi cosa dicano, già lo so.
Dato che è ancora tutto chiuso – niente client, niente registrazioni, niente application, niente di niente in perfetto stile folletto della negazione di Guru Guru (chi non lo conosce, prego porga IMMEDIATAMENTE rimedio! ) – non credo che la fase 4 inizierà tanto presto, ma con la Square non si può mai dire.

Per ciò che concerne le “comunicazioni interne”, le metto in sequenza perché alcune sono dirette ad un solo utente, mentre altre riguardano specifici argomenti.

@Nephenee: Ci siamo sentite via email e ti confermo che ti manderò tutto non appena mi arriverà l’Unisonant con tutti i Phone Strap.
Grazie ancora di aver partecipato!

@Yuffie: Non mi sono dimenticata dell’articolo sul metodo RTK e sullo studio del giapponese presso le università.
Vorrei poter dar vita a qualcosa di interessante, ma questo periodo è stato del tutto impossibile per me.
Non appena riuscirò a riorganizzarmi e a riassettare impegni e idee stai pur certa che ti invierò tutto quanto il materiale.
Per il futuro, ho intenzione di creare dei progetti scolastici per lo studio di questa lingua e includervi il metodo RKT. Vorrei distribuire questi progetti, ovviamente differenziati in termini di obiettivi formativi, a le scuole primarie e alle scuole secondarie di primo e di secondo grado.
Se ho fortuna e ottengo un minimo di riscontro, potrò avere dei dati più attendibili sui tempi di risposta di questo metodo da affiancare, ovviamente, allo studio della grammatica – anche in tal caso, se ci sono dei metodi sperimentali, potremmo discuterne assieme.
Io ne conosco solo uno che si basa solo sulla produzione orale, ma sebbene mi piaccia molto e lo trovi sufficientemente efficace, preferirei non accantonare del tutto lo scritto che è importantissimo in egual misura.

@Presea: Mi rivolgo a te perché non credo che questo argomento possa interessare molto gli altri utenti del blog, ma tant’è…
Durante tutto Luglio ho bersagliato i cinesi maledetti del cosplay.
Prima hanno aspettato più di una settimana per rispondere ad una caxxo di emai, poi mi hanno detto che sì, mi avrebbero confezionato i vestiti e di mandare loro le immagini di riferimento (anche se credo che fino a questo punto ci eri arrivata perché ricordo di averlo accennato tempo fa. ).
E, insomma, il giorno dopo invio i link e aspetto.
Aspetto con pazienza per dieci giorni, poi rimando loro un’altra email con la copia del contenuto precedente.
Dopo un paio di giorni il dannato infame mi risponde dicendomi di aver parlato con il sarto e che lui gli ha detto che non è più disponibile a confezionare niente perché sono al momento troppo impegnati.
Io prendo il messaggio come un “non adesso” e chiedo loro quando pensano di liberarsi – anche se, a dire il vero, a suo tempo mi dissero che a Luglio potevano creare gli abiti perché era “bassa stagione” -.
Questo replica che non se ne parla proprio. Nè ora né mai.
Rimango sconvolta per la loro stronzaggine: mi hanno fatto attendere fino a Luglio e nel frattempo non ho interpellato nessun altro perché davo per scontata la loro disponibilità.
Proverò a cercare qualche alternativa VALIDA, ma se non dovessi trovare nulla entro fine Settembre, rinuncio e chi s’è visto s’è visto – nonostante mi dispiaccia moltissimo.

- COMUNICAZIONI GENERALI -

Prossimo Giveaway: Dico subito che ho appena comprato i premi per i prossimi Giveaway, il primo dei quali si terrà a Settembre.
Vi dico subito che avrà sia a che fare con i Tales, che con la lingua giapponese per cui anche Yuffie lo troverà interessante – o almeno così spero!
Sicuramente si tratterà di un premio più interessante di una manciata di fumetti e spero di avere disponibilità economica per andare via via a proporre qualcosa di sempre più interessante.

Nuovo Template: E’ da TANTISSIMO tempo che ci sto pensando, ma ho intenzione di passare all’azione il prima possibile.
So goà cosa vorrò per il prossimo layout e non sono del tutto certa di riuscire a realizzare tutto quel che desidero – non solo dovrà lavorarci molto Serchan, ma anche io.
Vorrei davvero dare una ventata di aria fresca, di rinnovare tutto quanto e di creare una sorta di versione 2.0, relegando i vecchi posti ad una sorta di archivio nell’archivio.
Dopo decine di anni di attività blogghifera – sia cartacea che digitale -, comincia ad essere MOLTO difficile gestire tutto quanto in maniera coerente e gradevole alla vista… ecco la ragione per la quale vorrei riprendere in mano tutti i contenuti e le categorie, ma farlo significherebbe perdere tantissimo tempo e non sono certa di averlo.

Crampi alle gambe a mille e domani visita dal dottore pre-viaggio.

Postato da Marylain, alle 22 : 02
(permalink) (Real Life)